Home curiosita La canzone del cannibale Albert Fish: Secrets of Wysteria

La canzone del cannibale Albert Fish: Secrets of Wysteria

562
0
CONDIVIDI
Secrets of Wysteria

Sin dai tempi più remoti, assassini e criminali sono stati al centro di elaborazioni artistiche di taglio diverso e inaspettato. Poesie, romanzi, opere teatrali, trasposizioni cinematografiche. La nostra mente, o almeno la sua parte più “creativa”, sembra costantemente attratta dall’abisso e dai demoni che son saltati sulla terra. Se Jack lo squartatore ingannava le notti delle Mrs e di Mr vittoriani, adesso, nell’era del web, possiamo incappare in una canzone dedicata al famigerato Albert Fish: Secrets of Wysteria. 

Secrets of Wysteria: di cosa stiamo parlando?

Per chi non conoscesse Albert Fish, rimando all’articolo dedicato. Basterà cliccare qui per ottenere le informazioni necessarie sul mangiatore di bambini che terrorizzò la cittadina di Wysteria durante il XX secolo.

Secrets of Wysteria

Come da titolo, Secrets of Wysteria riassume in poco più di cinque minuti le vicende occorse ai pargoli americani che s’imbatterono in questo famelico uomo nero. Sarà bene precisare che non si tratta di una canzone nel senso comune del termine. Secrets of Wysteria è infatti una composizione adattata all’uso di particolari sintetizzatori vocali. Stiamo parlando dei Vocaloid – software nipponici di grande successo, capaci di realizzare una traccia musicale inserendo nel programma solo testo e melodia.

Secrets of Wysteria

Non è certo la prima volta che i Vocaloid, da personaggi colorati e in perfetto stile anime, si trasformino nell’elaborazione vocale di messaggi non sempre positivi. Girovagando sui maggiori portali di condivisione video, troviamo canzoni che narrano di efferati omicidi, violenze sessuali, istituti psichiatrici, ossessioni, droghe e persino inni a creature demoniache che poco hanno a che fare con il misterioso universo giapponese.

Testo e traduzione

Da come è facile capire sin dalle prime parole della canzone, il punto d’osservazione della storia è la piccola Grace Budd, una delle ultime vittime di Albert Fish. Ma prima di passare alle note più inquietanti di Secrets of Wysteria, diamo uno sguardo al testo:

  • Little Gracie found a strange house, 
  • La piccola Gracie ha trovato una strana casetta, 
  • A place to play just past all the trees.
  • Un posto dove giocare non appena oltre gli alberi. 
  • Swift sharp needles do spot his face,
  • Rapidi aghi affilati illuminano il suo volto, 
  • Before he feeds on the sheep’s white fleece.
  • Prima che si nutra del bianco manto della pecorella. 
  • Phan-tas-ma-go-ooo-ri-cal,
  • Willows of Wysteria.
  • A Memorial,
  • A Crescendo
  • Of Hysteria.
  • Fantasmagorici salici di Wysteria. 
  • Un memoriale, un crescendo 
  • Di isteria.
  • Little children went astray
  • I piccoli bambini sono allo sbaraglio 
  • In the sunny soil beneath,
  • Nel sole cocente sotto di loro 
  • Wriggling worms in disarray.
  • Vermi guizzanti nello scompiglio 
  • Hear them laughing underneath.
  • Li senti ridere dal sottosuolo. 
  • Counting Ten, Nine, Zero fingers.
  • Contando dieci, nove, zero dita
  • Won’t you come and play The Grey Man’s game?
  • Vuoi venire e partecipare al gioco dell’Uomo Grigio? 
  • Move quick, Be an artful dodger
  • Muoviti veloce, sii scaltro 
  • When the cleavers start swishing in flames.
  • Quando le mannaie hanno il fruscio del fuoco. 

Come si può notare, sono moltissimi i riferimenti reali a quanto detto e fatto da Albert Fish. Questo ha reso celebre Secrets of Wysteria: che è una delle pochissime opere dei Vocaloid tratta da eventi realmente accaduti.

Secrets of Wysteria: ascoltarla al contrario?

Ebbene, come ogni canzone discussa che si rispetti, non poteva mancare il doppio significato che si cela fra le note. Nel caso di Secrets of Wysteria non si tratta però di voci di corridoio, ma della pura verità. Ascoltando il pezzo al contrario troveremo un sub-lyric del tutto parallelo a quello originale: dove è lo stesso Albert Fish a parlare.

Secrets of Wysteria

Si tratta della registrazione della famosa lettera del killer indirizzata ai genitori della piccola Gracie. Sono riportate le parole esatte e la voce non è più quella del Vocaloid Oliver, ma il tono di Fish in persona. Il suo volto appare poi – in una frazione di secondo – anche sullo schermo. Alla missiva, si aggiunge un altro secondo testo, questa volta cantato, che fa da condanna nei confronti del cannibale e dei suoi gesti.

Conclusioni

Personalmente, quando ascoltai la prima volta Secrets of Wysteria non avevo la più pallida idea del suo contenuto. Arrivai al video per pura coincidenza, mentre cercavo sì una canzone a tinte horror, ma su una semplice storiella vittoriana che resta ben chiusa nell’immaginario dei creatori. I vocaloid, in mano alle persone giuste, generano piccoli capolavori, ricchi di poesia e spunti interessanti. Non sarà questo il caso, ma bisogna ricordare che Secrets of Wysteria nasce come canzone da presentare nella lizza di tracce dedicate al periodo di Halloween. Questo significa che non ha nessuno scopo adulatorio, né giustifica i crimini di Albert Fish. Anzi, se vogliamo dirla tutta, chiunque riesca a sopportare la canzone fino alla fine, sarà preso da una tale commozione da pensarci due volte, prima di scrollare le spalle davanti a un qualsiasi fatto di cronaca nera.

Per completezza, ecco a voi la versione completa di Secrets of Wysteria, che permette di carpire i messaggi nascosti e le altre particolarità del video.

***ATTENZIONE: CONTENUTI MOLTO DISTURBANTI –  Ammetto di non averla mai ascoltata più di una volta, se non altro perché trovo di cattivo gusto infierire, seppure con l’intento di rendere partecipi, sul triste destino di un gruppo di bambini realmente esistiti. Chi è poi particolarmente sensibile alle FLASH IMAGES farebbe meglio ad astenersi dalla visione. Capogiri, mal di testa e nausea possono essere causati dal cambio repentino di luci, colori, dalla velocità dei testi – per la traduzione, ho utilizzato infatti il lyric disponibile qui (il sub e la traduzione del video è opera di Isaac Clarke). Avverto inoltre che la composizione musicale, soprattutto della parte reverse, potrebbe causare un certo fastidio, essendo una partitura elettrica, spesso molto dilatata.

 

Crediti:

Singer: Oliver

Producers: Steampianist (music) Morbid-Morsel (lyrics, PV)

 

Silvia Tortiglione