Home leggende superstizioni Venerdì 13 e Venerd 17 – origini della superstizione

Venerdì 13 e Venerd 17 – origini della superstizione

808
0
SHARE

Oggi è venerdì 13 e, sia in Italia che nei paesi anglosassoni, è considerato sfortunato. A questo giorno sono stati dedicati persino dei film, come “Venerdì 13” appunto, che vede protagonista uno dei cattivi per eccellenza: Jason.

Ma perchè è considerato un giorno sfortunato? E perchè in Italia si teme anche il venerdì 17?

Venerdì

Partiamo dall’origine del venerdì come giorno infausto. Una teoria ipotizza che il venerdì sia considerato porta sfortuna perchè è il giorno in cui venne crocefisso Gesù.

Un’altra fa risalire questa superstizione ai “Racconti di Canterbury”, una raccolta di 24 racconti del XIV secolo, in cui questo giorno della settimana è ritenuto portatore di sventure.

Il numero 13

Per quanto riguarda il numero 13, invece, è sempre stato considerato un numero sfortunato o portatore di disgrazie a causa di episodi in cui questo numero la fa da padrone.

Per esempio l’ultima cena, in cui troviamo Gesù e i 12 apostoli prima della morte di Gesù (da qui l’usanza di non sedersi mai in 13 a tavola); o il mito nordico secondo cui Odino si trovava a tavola con 11 amici quando all’improvviso entrò Loki, il dio del male.

Ma persino nel codice di Hammurabi, risalente circa al 1772 a.C, il numero 13 è omesso dalla lista delle leggi.

Il fatto è che il 12, da tempi immemori, è sempre stato considerato un numero perfetto e di conseguenza il 13 considerato come di poco valore.

Alcuni edifici, addirittura, non hanno il piano 13, alcuni aeroporti non hanno il gate 13 o i posti con tale numero e alcune strade non hanno il civico 13.

Il numero 17

Per il numero 17 invece la storia è un’altra. Già nell’antica Grecia era considerato infausto per il solo fatto di trovarsi fra il 16 e il 18 che rappresentavano, rispettivamente, la perfezione dei quadrilateri 4×4 e 3×6;

nella Bibbia è scritto che il Diluvio Universale cominciò proprio il giorno 17; infine, sulle tombe dell’Antica Roma era uso incidere la parola VIXI, cioè vissi e quindi sono ora morto, che anagrammato è XVII, il numero romano 17. Nella smorfia napoletana questo numero rappresenta “la disgrazia”.

Per questi motivi forse il venerdì 17 è una superstizione tutta italiana.

Esistono addirittura delle fobie relative a questi due giorni. Chi è terrorizzato dal venerdì 13 soffre di triscaidecafobia mentre chi proprio non sopporta venerdì 17 soffre di eptacaideafobia.

Curioso notare come la percezione di questi giorni e di questi numeri cambi nelle varie culture. Nella Cabala Ebraica per esempio il 13 è considerato fortunato.

In Cina, Corea e Giappone invece ad essere ritenuto sfortunato è il numero 4 (e tutti i numeri che lo contengono) perchè la sua pronuncia, in tutte e tre e lingue, è simile alla parola “morte”.

Ora che ne conoscete le origini, forse, questi giorni vi faranno un po’ meno paura. Vi auguro comunque un buon Venerdì 13!

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti alla newsletter
SHARE
Previous articleLingchi – La morte dai mille tagli
Next articleL’autostoppista fantasma
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.