Home misteri misteri irrisolti D.B. Cooper e i 200.000$ mai ritrovati

D.B. Cooper e i 200.000$ mai ritrovati

652
0
CONDIVIDI

D.B Cooper è il nome dato a un dirottatore di aerei americano. Cooper dirottò un aereo nel 1971 chiedendo un riscatto di 200.000 dollari. Dopo averli ottenuti si lanciò con un paracadute e né lui né i soldi vennero mai ritrovati.

Il dirottamento di D.B. Cooper

il 24 novembre 1971 un uomo ben vestito e con una valigetta nera acquista un biglietto di sola andata per Seattle. Paga il biglietto in contanti identificandosi come Dan Cooper e sale a bordo del Boeing 727-100.

Il volo è breve, soli 30 minuti, e Cooper si siede al posto 18C, accendendosi una sigaretta e richiedendo bourbon e soda.

Dopo il decollo Cooper passa un bigliettino all’assistente di volo seduta vicino a lui, Florence Schaffner. La hostess, pensando che sia il suo numero di telefono, lo mette senza aprirlo nella sua borsetta. A questo punto Cooper le dice:

Signorina, farebbe meglio a guardare quel biglietto. Ho una bomba.

Florence legge il biglietto che recita:

Ho una bomba nella mia valigetta. La userò se necessario. Voglio che si sieda accanto a me, state per essere dirottati.

La hostess prende posto vicino a Cooper e gli chiede di vedere la bomba. Lui apre la valigetta e Florence può vedere sei candelotti di dinamite con dei fili collegati a una batteria.

Poi Cooper chiude la valigetta e fa le sue richieste:

  • 200.000 dollari in “valuta americana negoziabile”
  • quattro paracadute (dei quali due di riserva)
  • un’autobotte a Seattle, pronta all’arrivo dell’aereo per un rifornimento.

Florence porta le istruzioni ai piloti. Uno di loro, William Scott, informa la torre di controllo dell’accaduto e la polizia viene allertata. Ai passeggeri non viene detto nulla e viene solo fatto un annuncio in cui si avvisano che all’arrivo a Seattle ci sarebbe stato un piccolo ritardo a causa di un problema meccanico.

Il presidente della compagnia aerea, Donald Nyrop, autorizza il pagamento e riesce a soddisfare tutte le richieste di Cooper, poi informa il dirottatore.

Una volta completata la consegna, con banconote non segnate ma con i numeri di serie registrati, Cooper permette a tutti i passeggeri e a una hostess di lasciare l’aereo, poi spiega il suo piano ai piloti.

Dà loro indicazioni precise su dove vuole andare, a che velocità e a quale altezza, e vuole che l’aereo decolli con la porta d’uscita posteriore aperta e la scaletta estesa.

I piloti si oppongono perchè pericoloso e Cooper decide di non discutere ed estendere la scaletta poi, in volo.

Dopo il rifornimento l’aereo decolla e Cooper dice a Florence di andare in cabina con i piloti. Dopo circa 20 minuti i piloti vedono la spia luminosa che segnala l’apertura della porta posteriore.

Dopo l’atterraggio nella località scelta da Cooper la polizia si avvicina al velivolo, ma il dirottatore non c’è: si è gettato con il paracadute insieme al riscatto ottenuto.

Le ricerche

D.B. Cooper

Subito tutte le variabili vengono prese in considerazione e si stabilisce il punto in cui Cooper si sarebbe gettato e quello in cui sarebbe atterrato. Purtroppo però non si ottengono risultati. Un identikit dell’uomo viene elaborato e viene reso pubblico.

La polizia interroga anche un uomo di nome D.B Cooper, con piccoli precedenti penali, nella speranza che il dirottatore avesse usato il suo vero nome per comprare il biglietto. Purtroppo però si rivelerà un buco nell’acqua.

E’ però a causa di questo interrogatorio che il nome del dirottatore si trasformerà da Dan Cooper a D.B. Cooper.

Un giornalista inesperto infatti si confonde e pubblica il nome D.B. Cooper, errore che sarà poi ripreso da altri giornali e che farà sì che tutti conoscano il dirottatore con quel nome. 

Non si hanno più notizie dell’uomo fino al 1980 quando un bambino ritrova 5.800 dollari in banconote consumate da 20 dollari vicino al fiume Columbia. I numeri di serie corrispondono a quelli delle banconote date come riscatto a Cooper. Tuttavia non si sa se i pacchetti siano stati trasportati nel luogo da qualcuno e se siano stati portati a riva dalla corrente.

Nonostante le ricompense promesse dalla polizia a chi può fornire informazioni su D.B. Cooper, nessuno si è mai fatto avanti e non si hanno mai più avute sue notizie. 

Gli investigatori nel corso degli anni hanno rivolto le loro attenzioni ad alcuni sospettati, ma non ci sono mai state prove sufficienti a collegarli alla figura del misterioso D.B. Cooper.

D.B. Cooper è stato menzionato nella popolare serie tv Prison Break (che consiglio a tutti!).