Home misteri oggetti misteriosi La piramide nera fluorescente di La Mana

La piramide nera fluorescente di La Mana

1035
0
CONDIVIDI

Uno dei più grandi misteri degli ultimi decenni è sicuramente la cosiddetta piramide nera. La pietra a forma di piramide, alta 25 centimetri, è stata ritrovata insieme ad altri manufatti a La Mana, in Ecuador nel 1984.

Una piramide fluorescente

La particolarità è che sulla pietra sono incise tredici file di mattoni che diventano fluorescenti se illuminate da luce ultravioletta; inoltre sull’apice della piramide è presente in rilievo un occhio, anch’esso fluorescente.

Quest’ultimo è il simbolo della setta degli illuminati di Baviera del XVII secolo e assomiglia molto alla piramide presente su alcune banconote americane.

Ma non finisce qui: sulla base sono presenti tre piccole incisioni nella forma e posizione delle stelle della cintura di Orione, insieme ad un’incisione in un alfabeto molto più antico del sanscrito che, secondo il linguista Kurt Schildmann, verrebbe tradotta da

“Il Figlio del Creatore viene da qui”.

L’alfabeto usato per l’iscrizione è stato trovato anche su altri manufatti in differenti parti del globo come Ecuador, Colombia, Stati Uniti, Francia, Malta, Italia e Australia. Questo farebbe supporre che sia esistita una lingua globale precedente al sanscrito.

Mappamondo antico in pietra

Ma non è tutto, nello stesso luogo sono stati ritrovati molti altri manufatti incredibili come, ad esempio, un’altra pietra fluorescente rappresentate un cobra reale.

Qualcosa però non quadra, perchè questo rettile è originario del Sud-Est Asiatico e non si trova in Sud america, com’è dunque possibile ritrovare una sua rappresentazione in Ecuador?

Insieme alla piramide e al cobra sono state rinvenute molte altre pietre decorate, tutte con la particolarità di riflettere colori diversi se colpite da luce ultravioletta.

Un altro ritrovamento sorprendente, poi, riguarda delle pietre in cui sono state scavate delle linee che tracciano un rozzo mappamondo.

Inoltre il luogo di ritrovamento dei reperti e l’antica Babilionia, sulla mappa, sono collegate da una linea. Questo potrebbe essere la spiegazione anche della Fuente Magna?
Questo confermerebbe anche alcune teorie secondo le quali proveniamo dallo spazio?