Home Assassini bambini assassini Sharon Carr: sadica assassina a 12 anni

Sharon Carr: sadica assassina a 12 anni

3561
0
CONDIVIDI

Sharon Carr non è affatto famosa. Eppure dovrebbe esserlo dato che è la più giovane assassina del Regno Unito.

Quando aveva 12 anni ha infatti brutalmente pugnalato una ragazza di 18 anni, ma non solo. Il crimine è stato talmente violento, e palesemente a sfondo sessuale, che la polizia pensava che il colpevole fosse un uomo.

Così Sharon non è mai stata sospettata e l’ha fatta franca per due anni fino a quando colpisce ancora.

L’omicidio di Katie Rackliff

E’ il 7 giugno 1992 e Katie sta tornando a casa da una discoteca quando viene brutalmente uccisa.

L’attacco è feroce, viene pugnalata 32 volte. Al petto, tanto da mutilarne i seni, nella vagina e nell’ano. La cosa più raccapricciante è che la persona che sta provando piacere mentre la uccide è Sharon Carr, una bambina di 12 anni.

Dopo l’attacco Sharon torna a casa e non sarà mai sospettata dell’omicidio. La polizia pensa infatti che sia un omicidio a sfondo sessuale e pensa che l’assassino sia un uomo.

Due anni passano e l’omicidio di Katie rimane un mistero. Nel 1994 però, Sharon viene arrestata per avere pugnalato una sua compagna di classe senza un motivo.

La confessione

Mentre aspetta il processo viene messa in un centro di valutazione dove attacca due operatori e cerca di strangolarli.

Si prende una cotta per una delle guardie e comincia a raccontargli dell’omicidio di Katie, avvenuto due anni prima. 

La ragazzina conosce dei particolari che solo l’assassino poteva conoscere dato che non erano stati rivelati al pubblico. Ad esempio descrive nei dettagli una ferita specifica e sa che l’assassino ha rubato un braccialetto alla vittima.

La polizia comincia quindi una perquisizione in casa di Sharon dove trova i suoi diari. Al loro interno i poliziotti troveranno molti disegni di coltelli e frasi che descrivono l’omicidio di Katie. 

In una nota scrive questo:

Ogni notte vedo il Diavolo nei miei sogni, a volte persino nello specchio. Poi mi rendo conto che invece sono io.

Dopo questi ritrovamenti la polizia interroga Sharon per ben 27 ore, durante le quali confessa l’omicidio di Katie.

La condanna

Sharon Carr

Nel 1996 viene condannata al carcere a vita con un minimo di 14 anni, poi ridotti a 12, prima di poter richiedere la libertà sulla parola. Dal 2009, quindi, potrebbe fare domanda per essere liberata .

Per ora però si trova in un istituto psichiatrico e non può fare la richiesta mentre si trova in un ospedale. Dovrà aspettare il suo rilascio e poi richiedere la libertà sulla parola.

I genitori di Katie sono rimasti scossi dalla sentenza ricevuta dall’assassina della loro figlia. Sono infatti sicuri che una volta libera, Sharon ucciderà di nuovo.

Sharon sembra essere infatti attratta dalla violenza e dal sadismo: prima di uccidere Katie aveva già decapitato il cane di un vicino e aveva fritto un criceto vivo. E’ stata soprannominata dalla stampa “La figlia del Diavolo”.

Nel 2001, all’età di 20 anni, si è sposata con un altro criminale, Robbie Layne, colpevole di avere ucciso sua madre cavandole gli occhi. 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNoah Crooks: a 13 anni cerca di stuprare la madre poi la uccide
Prossimo articoloI pazzi della storia
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.