Home paranormale case maledette Fantasmi – la vera storia di Jackie Hernandez

Fantasmi – la vera storia di Jackie Hernandez

608
0
CONDIVIDI

Quello di Jackie Hernandez è uno dei casi di poltergeist più documentati e famosi. Fantasmi senza testa, attacchi a persone e sangue dai muri: questo è il caso di Jackie Hernandez.

Jackie Hernandez

Tutto comincia nel novembre 1988, quando Jackie Hernandez lascia il marito dopo una vita di abusi e si trasferisce, incinta e insieme a suo figlio di due anni, a San Pedro, California.

Non appena si trasferisce nella sua nuova casa comincia a notare strani fenomeni. All’inizio sono solo strani rumori che provengono dalla soffitta e Jackie pensa che siano topi. 

Poi però cominciano ad accadere cose sempre più strane e spaventose. Un giorno, mentre sta lavando i piatti insieme a un’amica, vede una strana sostanza rossastra colare da un muro.

I rumori in soffitta si trasformano piano piano in voci e tutto peggiora nel 1989, quando nasce sua figlia Samantha. Alcuni oggetti cominciano a volare per casa e Jackie comincia a vedere la figura di un uomo, vestito come si usava negli anni ’30, che spariva dopo qualche secondo.

In soffitta, Jackie vede anche una testa mozzata che sparisce poco dopo. La donna non è l’unica a vedere le apparizioni, anche i suoi vicini le vedono.

In effetti sono proprio loro che decidono di chiamare un investigatore del paranormale, dato che Jackie non vuole farlo per paura di essere presa per pazza.

Le indagini

Ad investigare è il famoso parapsicologo Dr. Barry Taff, che aveva investigato anche il caso di Doris Bither

Appena giunto a casa di Jackie inseme ai suoi collaboratori, sente subito degli strani rumori in soffitta. La padrona di casa sostiene che si tratti del corpo a cui appartiene la testa che aveva visto nei giorni precedenti.

La squadra di Taff sente tutti i rumori descritti da Jackie e vede anche la strana sostanza che esce dai muri. Dopo averla fotografata la portano in un laboratorio e scoprono che si tratta di plasma umano, un componente del sangue. 

Taff visita la casa più di una volta, e ogni volta succedono fenomeni molto strani. Ad esempio, le videocamere smettono di funzionare non appena vengono portate in soffitta. Non importa quante volte provino, le videocamere in soffitta danno problemi, per poi tornare a funzionare solo una volta tornati in casa.

Gli attacchi a uno dei fotografi

Il primo attacco

Uno dei fenomeni più eclatanti è stato l’attacco che il fantasma ha lanciato contro il fotografo Jeff Wheatcraft.

Jeff e un collega si trovano in soffitta cercando di fare qualche foto. Dopo averne scattate tre, Jeff sente un rumore provenire da dietro di sé. Si gira di scatto e scatta una foto, ma non appena preme il pulsante una forza gli strappa la macchina fotografica di mano, gettandola lontano.

I due scendono in casa, ma poi decidono di tornare a prendere la macchina fotografica. La trovano nascosta in un angolo della soffitta, senza lenti, che verranno ritrovate poco distante.

Di nuovo tornano in casa e a quel punto cominciano a sentire un odore nauseabondo provenire dalla soffitta. Jeff decide di andare a vedere.

Il fotografo sente una mano ossuta poggiarsi sulla sua schiena e decide di tornare in casa, ma proprio in quel momento vede apparire tre luci e poi una sagoma scura. Purtroppo le videocamere erano inutilizzabili e non esiste un filmato del fenomeno.

Qualche giorno dopo, Jeff sente un forte dolore alla schiena e decide di rivolgersi al suo medico, il quale gli dice che sono presenti delle contusioni. Il pensiero di Jeff va subito alla mano ossuta da cui si era sentito toccare. 

Il secondo attacco

Attacco Jeff WheatcraftCirca un mese dopo, Jackie chiama di nuovo il Dr. Taff, impaurita. Gli strani fenomeni sono tornati più forti di prima.

Il parapsicologo torna a casa di Jackie con la sua squadra. Non appena entrano sentono un rumore simile a qualcuno che schiocca le dita.

Vanno di nuovo in soffitta ed è qui che si verifica l’attacco più eclatante. Da una delle travi del soffitto sporge un chiodo da cui pende una cordicella per stendere il bucato.

Jeff non ricorda esattamente cosa sia successo, ma i suoi colleghi ricordano di averlo sentito emettere degli strani suoni, di essere andati verso di lui e di averlo trovato impiccato alla cordicella per il bucato.

Subito un collega riesce a liberarlo, mentre un altro riesce a scattare alcune foto. Esiste un filmato in cui si vede Jeff scendere dalla soffitta con la cordicella al collo e un segno rosso sulla pelle (che puoi trovare in fondo all’articolo).

Jackie Hernandez oggi

Dopo questo episodio, Jackie si è trasferita, ma vive sempre a San Pedro. La casa in cui viveva invece è continuamente oggetto di indagini paranormali e chi vi si trasferisce non dura più di sei mesi. Tutti coloro che la visitano riportano di vedere e sentire gli stessi fenomeni che vi avvenivano nel 1989.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAka Manto
Prossimo articoloAmarjeet Sada – il serial killer più giovane del mondo
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.