Home oggetti maledetti bambole maledette Annabelle – la vera storia della bambola maledetta

Annabelle – la vera storia della bambola maledetta

2053
0
CONDIVIDI

Annabelle è forse la più famosa delle bambole maledette dato che ha ispirato il film “Annabelle” del 2014, spin-off del film “The Conjuring”. Il film, ovviamente, è molto romanzato ma prende spunto dalla vera storia di Annabelle, la bambola maledetta. 

Ecco la sua storia, secondo i demonologi Ed e Lorraine Warren.

ASCOLTA QUESTO ARTICOLO!

Annabelle la bambola maledetta

Innanzitutto la bambola non è di ceramica come quella del film, ma è una bambola di pezza molto famosa negli Stati Uniti, una Raggedy Ann.

Donna, una studentessa, l’aveva ricevuta in regalo dalla madre nel 1970 per i suoi 28 anni e l’aveva messa nella sua stanza da letto.

Solo pochi giorni dopo Angie, la coinquilina di Donna, disse che la bambola era strana e poco tempo dopo entrambe cominciarono a notare che si muoveva da sola.

Notarono più volte che cambiava posizione, incrociava le gambe e le braccia e spesso, dopo averla messa sul divano del soggiorno prima di andare in università, la ritrovavano al loro ritorno in camera da letto, con le porte chiuse.

In uno di questi episodi Donna notò non solo che Annabelle aveva cambiato posizione, ma che aveva anche del sangue sulle mani e sul petto.

Inoltre le due ragazze cominciarono a trovare messaggi scritti su pergamena con una grafia infantile che dicevano “aiuto”.

La seduta spiritica

Annabelle vera storia

Donna, spaventata e non sapendo cosa fare, decise di chiamare una medium che volle fare una seduta spiritica.

Durante la seduta la medium disse che all’interno della bambola c’era lo spirito di una bambina di 7 anni, Annabelle Higgins, che aveva vissuto nella zona

e il cui corpo era stato ritrovato proprio sul terreno su cui era stato poi costruito l’edificio in cui abitavano le due ragazze.

Disse inoltre che lo spirito affermava di trovarsi a suo agio con Donna e Angie.

Proprio come nel caso della bambola Okiku, sembrava che lo spirito di una bambina avesse scelto un giocattolo per manifestarsi.

Le due ragazze, impietosite dalla storia, diedero il permesso ad Annabelle di rimanere nella bambola con loro ma non sapevano a cosa stavano per andare incontro.

L’incidente di Lou

Lou, il fidanzato di Angie, a volte si fermava a dormire da loro e non amava affatto la bambola, dicendo spesso che avrebbero dovuto sbarazzarsene.

Quando dormiva nell’appartamento delle ragazze aveva spesso degli incubi riguardanti Annabelle e una volta si svegliò di colpo con la bambola che cercava di strangolarlo.

La mattina pensò che fosse tutto un sogno, ma volle liberarsi lo stesso della bambola. Donna però non volle farlo.

Lou prese allora Annabelle e la scaraventò dall’altra parte della stanza. Non appena lo ebbe fatto, il giovane sentì un dolore lancinante al petto e gli comparvero 4 segni sul petto e 3 sull’addome, come dei graffi.

Le ferite erano tanto profonde che dalla maglietta cominciava a intravedersi il sangue.

I medium Warren

Spaventatissima, Donna decise di contattare delle autorità religiose che le consigliarono a loro volta di contattare Ed e Lorraine Warren, due demonologi.

Dopo aver esaminato la bambola giunsero alla conclusione che non si trattava del fantasma di una bambina, ma di un demone che voleva possedere il corpo di Donna.

Gli Warren chiesero al prete che era venuto con loro, padre Cooke, di fare un esorcismo e di benedire la casa. Poi Donna li pregò di portarla con loro nel loro museo dell’occulto. Durante il viaggio la macchina ebbe molti malfunzionamenti, che cessarono una volta che la bambola venne spruzzata con acqua santa.

Annabelle è stata poi messa in una teca di vetro nel museo dell’occulto dei Warren, nel Connecticut.

L’ultima vittima

Anche se si trova rinchiusa in un museo, Annabelle ha ancora il potere di fare del male.

Sono gli stessi Warren a raccontare uno strano episodio avvenuto durante uno dei tour che svolgono al museo. Un ragazzo giunto in moto con la fidanzata continuava a prendere in giro Annabelle, alzandosi la maglietta e sfidandola a fargli apparire gli stessi graffi che erano apparsi sul petto di Lou.

Anzi, la sfidò addirittura a fare del suo peggio, picchiettando con le dita sulla sua teca. Ed sbatte il ragazzo fuori dal museo e più tardi riceverà la notizia che il giovane, tre ore dopo essere uscito dal museo, aveva avuto un incidente con la moto, finendo contro un albero e perdendo la vita.

La sua ragazza è sopravvissuta ma è dovuta rimanere in ospedale per circa un anno.

Se i demoni e le bambole possedute non ti spaventano, gli Warren continuano a organizzare tour del loro museo.

Il 23 febbraio 2017 è stato mostrato in diretta lo spostamento di Annabelle in una teca portatile, in modo da poterla spostare nella nuova sede del museo.