Home oggetti maledetti bambole maledette Bambola Peggy posseduta: se la guardi rischi l’infarto

Bambola Peggy posseduta: se la guardi rischi l’infarto

2086
0
CONDIVIDI

All’apparenza la bambola Peggy non ha niente di speciale: capelli biondi, occhioni azzurri e un fiocchetto fra i capelli. Una bambola come tutte le altre, sembrerebbe. C’è un particolare però, si dice infatti che sia posseduta.

La bambola Peggy

Questo è quanto sostiene l’investigatrice del paranormale Jayne Harris che ha ricevuto la bambola da una donna.

La precedente proprietaria sosteneva di aver cominciato a fare degli incubi dopo aver messo la bambola Peggy in casa sua.

Non importa dove la spostasse, ogni notte si svegliava sudata e tremante di paura. Dopo aver cominciato a soffrire addirittura di allucinazioni ha chiesto aiuto ad un prete ma senza risultato.

Cercando su internet ha poi trovato Jayne che è ora in possesso della bambola. Lei e il suo team stanno cercando di capire di chi sia il fantasma che abiterebbe la bambola arrivando ad alcune ipotesi.

Una di queste è che lo spirito sia quello di una donna nata nel 1946 e morta per problemi cardiaci.

Tutti i medium che l’hanno esaminata sono concordi nel dire che il suo spirito è quello di una donna  frustrata che è stata tormentata in vita.

Jayne afferma che ha ricevuto moltissime segnalazioni di persone che sono state male dopo aver visto un video o una foto di Peggy: forti mal di testa, brividi, dolori al petto e una donna dice persino di avere avuto un attacco di cuore.

Chi non sta male sperimenta comunque sensazioni spiacevoli, la loro stanza diventa improvvisamente fredda e accadono cose strane come lampadine che bruciano e computer che smettono di funzionare.

Non sarebbe il primo caso di spirito maligno che si manifesta attraverso una bambola, basti pensare al caso del bambolotto Robert.

Vi lascio il video della bambola Peggy ma vi consiglio di guardarlo con prudenza dato che almeno 80 persone si sono sentite male dopo averlo visto.

Per altre storie di bambole maledette, visita la sezione “bambole maledette”