Home Review film The conjuring, il caso Enfield, trama e recensione del nuovo sequel

The conjuring, il caso Enfield, trama e recensione del nuovo sequel

80
0
CONDIVIDI

The conjuring, l’evocazione, il caso Enfield

Scritto e prodotto da James Wan, “The conjuring il caso Enfield” è uscito nel 2016 negli Stati Uniti d’America.

Questo sequel narra gli eventi soprannaturali di Londra avvenuti negli anni settanta,  più comunemente conosciuti con il nome di poltergeist di Enfield.

The conjuring, il caso Enfield trama

 

I protagonisti di “The conjuring” sono i coniugi Warren.

E’ il 1976 quando Ed e Lorraine sono alle prese con il caso degli omicidi di Amityville per stabilire se Ronald DeFeo Jr. fosse realmente posseduto. Nella visione di Lorraine una suora appare al fianco dell’uomo sotto forma di spirito demoniaco. La stessa visione prosegue con l’immagine del marito impalato.

Il demone suora tenta di convincere la coppia a non proseguire altri casi. Nel 1977 la famiglia Hodgson avverte i primi segnali di una qualche presenza oscura. Una delle loro figlie, Janet, comincia a soffrire di sonnambulismo e conversazioni private con alcuni degli spiriti presenti nella casa.

The conjuring” prosegue con la comparsa di Bill Wilkins, il precedente proprietario della casa morto al suo interno. I Warren vengono contattati per tentare di confermare la presenza dello spirito su Janet. Lorraine accetta di seguire Ed fino a Londra, scossa dalla visione sulla sua morte.

Durante il soggiorno in casa Hodgson si consultano con altri ricercatori del paranormale e tentano di stabilire un contatto con il defunto spirito. Una notte, le videocamere di sorveglianza, registrano Janet mentre distrugge la cucina e scoprono che Wilkins non è che una pedina nelle mani di uno spirito più potente.

Il demone riesce ad ottenere il controllo totale su Janet e nuove visioni appaiono a Lorraine. In “The conjuring” un fulmine colpisce un albero vicino casa Hodgson lasciando lo spuntone della visione impalata del marito.

Ed riesce a salvare Janet pronta per suicidarsi sullo spuntone. I due restano agganciati alla tenda della doccia che rischia di strapparsi. Lorraine si ricorda d’aver appuntato sulla sua Bibbia il nome del demone Valak. Rientrata in casa riesce ad evocarlo rispedendolo all’Inferno, liberando Janet dalla possessione.

Nella scena finale di “The conjuring” un testo rivela che la madre della bambina rimase in quella casa fino al momento della sua morte nel 2003. Morì sulla stessa sedia dove Wilikins era deceduto quarant’anni prima, dove le possessioni avevano avuto inizio.

Eventi misteriosi legati al sequel di The Conjuring

Al termine delle riprese del 2016 a Tiruvannamalai, in India, un uomo sessantenne morì in seguito a dei dolori al petto.

Fu trasportato in ospedale dove venne ordinato il trasferimento del suo corpo ad un’altra struttura. Da quel momento il suo cadavere sembra sparito nel nulla. La autorità stanno ancora investigando mentre secondo alcuni si tratterebbe di un’iniziativa di marketing.

Recensioni The conjuring il caso Enfield

the conjuring

James Wan sembra aver fatto centro con le scene, soprattutto quelle artiginali prive di effetti speciali, in “The conjurign il caso Enfield“. Grazie ad un cast meritevole di attori il sequel si è rivelato essere un successo con il 79% dei voti positivi del pubblico.

Più drammatico e ricco di momenti intensi. Alcune scene sono raccapriccianti, come vuole un buon film horror.

L’intero ritmo del film mantiene la respirazione accelerata.

Il talento di James Wan si dimostra senza eguali. La suspance è palpabile!

Non vi è dubbio che il secondo capitolo di “The conjuring” abbia soddisfatto le aspettative degli spettatori del primo!