Home storia La Femina Accabadora – Nostra signora… del martello

La Femina Accabadora – Nostra signora… del martello

726
0
CONDIVIDI

[…] Tzia Bonaria aprì la porta dopo nemmeno un minuto, trovando Maria in piedi accanto al muro che stringeva il cuscino di lana irsuta eletto a cucciolo difensore. Poi guardò la statua sanguinante, più vicina al letto di quanto fosse sembrata mai. Prese sottobraccio la statua e la portò via senza una parola; il giorno dopo sparirono dalla credenza anche l’acquasantiera con santa Rita disegnata dentro e l’agnello mistico di gesso, riccio come un cane randagio, feroce come un leone. Maria ricominciò a dire l’Ave solo dopo un po’, ma a bassa voce, perché la Madonna non sentisse e la prendesse sul serio nell’ora della nostra morte amen.[…].

Così, nelle prime pagine del suo allucinante e stupendo romanzo intitolato “Accabadora” (Einaudi), Michela Murgia – per inciso, vincitrice del “Premio Campiello”! – descrive alcuni personaggi che animano un cruento, tragico rituale in uso in terra sarda – soprattutto in aree come Marghine, Planargia e Gallura – fino a pochi decenni or sono. A Luras (Oristano) c’è l’interessante Museo Galluras – ben documentato sul sito dell’amica Isabella Dalla Vecchia, “Luoghimisteriosi.it” – in cui si  illustra l’opera di questi strani personaggi.

Quello dell’Accabadora era un rituale “necessario” per far passare rapidamente a “miglior vita” anziani e malati ai quali le conoscenze mediche avrebbero potuto soltanto prolungare, invano, le sofferenze, e ben degno di apparire in un mio libro tra le più strane “odissee di sangue”.

L’allucinante romanzo di Michela Murgia “Accabadora” in cui si descrivono “odisse di sangue” realmente accadute in Sardegna almeno fino alla fine degli anni Cinquanta.
Il recente saggio del dottor Roberto Volterri avente come filo conduttore episodi simili.

La Femina Accabadora

Personaggio centrale del romanzo è appunto la Femina Accabadora, ovvero “colei che finisce”, forse dal verbo spagnolo “acabar” con il significato di “porre termine”… alla vita altrui!

Di solito si trattava di una donna anziana, che viveva un po’ isolata dalla locale comunità, forse una sorta di levatrice “tuttofare”, la “sciamana” del villaggio.

Di notte, quasi furtivamente entrava nella stanza dell’inconsapevole morituro, completamente vestita di nero e con il volto coperto.

Faceva  togliere dalla stanza del moribondo tutte le immagini sacre e tutti gli oggetti ai quali egli poteva essere particolarmente affezionato, in modo da rendere più semplice e meno doloroso – almeno sul piano affettivo! – il distacco dello spirito dal corpo. Poi procedeva con una sorta di assassinio rituale – con la piena consapevolezza dei parenti della vittima! – finalizzato a porre fine alle sofferenze fisiche degli anziani, dei malati più o meno “terminali”.

Una sorta di vera e propria eutanasia molto cruenta!

femina accabadora
Più o meno così doveva apparire agli occhi dei villaggi sperduti nelle campagne sarde l’Accabadora, tutto sommato una donna coraggiosa, altruista – non percepiva nulla per il suo “intervento” – e necessaria in aree rurali e in tempi in cui la medicina offriva ben poche speranze in casi di patologie particolarmente complesse e con pazienti in età avanzata.

La povera e inconsapevole vittima poteva venire semplicemente soffocata con un cuscino oppure – più di frequente – colpendola… sulla fronte o sulla nuca con un particolare, pesante mazzuolo di legno d’ulivo, denominato ovviamente “su mazzolu”.

Una curiosa variante – meno cruenta ma non per questo più piacevole – poteva essere quella di strangolarlo ponendo il suo collo tra le gambe dell’impietosa “Accabadora”.

Su mazzolu” era ricavato da un solido pezzo di albero di ulivo (la testa del martello), da cui si diramava un ramo secondario, più piccolo, che opportunamente tagliato diventava il manico dell’inconsueta arma letale.

su mazzolu
Il letale “su mazzolu”, realizzato in legno di ulivo, destinato a porre fine alle terrene sofferenze dei malati terminali (e non solo…) di una Sardegna in tempi non lontanissimi.

Ma il rituale di questa inconsueta “eutanasia” – che a dispetto del nome “dolce” non lo era affatto! – prevedeva anche di porre sotto il cuscino del “morituro”, per almeno tre giorni consecutivi,  anche un piccolo giogo che aveva il compito di richiamare alla vita il moribondo dedito per un’intera esistenza al lavoro dei campi, alla conduzione dei buoi “aggiogati”che trainavano l’aratro.

giogo
Il piccolo giogo di legno che veniva posto sotto la testa dell’anziano malato per tentare (?) di tenerlo in vita con il ricordo della sua attività nei campi.

Il malato, l’anziano, non rispondeva positivamente a questo tentativo di cura? Niente paura (almeno per i parenti)!

L’Accabadora, insieme ai parenti della “vittima”, procedeva con l’Ammentu, ovvero sussurrava all’orecchio del malcapitato tutti i suoi peccati, affinché egli potesse pentirsi in articulo mortis. Questo rituale poteva farlo passare immediatamente a miglior vita, a causa del peso psicologico di quanto gli veniva ricordato oppure… farlo riprendere per la paura di finire al più presto tra le fiamme dell’Inferno.

Se l’Accabadora non percepiva segni di miglioramento, procedeva senza indugi con una terapia d’urto avvolgendo l’infermo in un lenzuolo imbibito d’acqua gelata e rinchiudendolo in una botte, ufficialmente per abbassare la temperatura corporea nel caso in cui la “vittima” fosse in preda ad attacchi febbrili.

Ma una bella polmonite fulminate era sempre in agguato per risolvere brillantemente il problema.

I “legni” del mestiere di Nostra Signora del Martello

La figura della Nostra Signora del Martello, dell’Accabadora era diffusa anche nella penisola salentina. L’antropologo ottocentesco Saverio La Sorsa, su pubblicazioni relative a pratiche oserei dire “sciamane” dei primi decenni del Novecento in Puglia, ebbe a scrivere che

[…] è stentata l’agonia di chi in vita abbia violato un termine o bruciato un giogo […] per alleviarla è d’uopo mettere sotto il capezzale del morente una pietra o un giogo nuovo, una chiave ovvero una scure. In certi paesi di Sardegna, quando il moribondo tarda ad esalare l’ultimo respiro i parenti avvicinano alla sua testa o al collo un pettine o un giogo per alleviargli le sofferenze. […].

Presso il “Museo Galluras” è stata fedelmente ricostruita una tipica camera da letto dei primi del Novecento, dove è ben visibile – appoggiato sul cuscino a destra – sia “su mazzolu” sia il piccolo giogo di legno.

Oggi per chi volesse esaminare de visu un poco rassicurante “su mazzolu” di dimensioni e peso non trascurabili oltre a moltissimi oggetti legati alle tradizioni rurali della Sardegna di un tempo che fu, potrebbe fare un’interessante visita al “Museo Galluras”, in via Nazionale a Luras (Oristano), dove due simpatici galluresi hanno conservato oggetti, storia, memorie delle tradizioni e della vita quotidiana del luogo.

Compresi naturalmente i “ferri” – pardon i “legni”! – del mestiere di qualche Accabadora esercitante fino a non molto tempo fa l’altruistica professione.

È ORA DISPONIBILE L’ATTESO LIBRO SUI PIÙ PERICOLOSI APOSTOLI DEL MALE, CLICCA QUI PER ACQUISTARLO o visita il sito di Eremon Edizioni.