Home torture Marcin Kasprzak: seppellisce viva la fidanzata che si salva per miracolo

Marcin Kasprzak: seppellisce viva la fidanzata che si salva per miracolo

1280
0
CONDIVIDI

Marcin Kasprzak nel 2011 seppellisce viva la fidanzata, con cui ha anche avuto un figlio, perché non vuole più vivere con lei. Decide allora di sbarazzarsene stordendola e seppellendola viva in un bosco. La ragazza però riesce miracolosamente a salvarsi grazie all’anello di fidanzamento che le aveva regalato il suo aguzzino.

ASCOLTA QUESTO ARTICOLO

Marcin Kasprzak

Marcin conosce Michalina Lewandowska quando i due vivono in Polonia. E’ il 2005, i due si conoscono in un negozio vicino alla casa di lei ed è subito amore. Il padre di Michalina ha però un presentimento e crede che il giovane fidanzato della figlia porterà solo problemi.

Marcin è un ragazzo viziato e molto attaccato alla madre, una donna iperprotettiva nei suoi confronti.

La coppia si trasferisce in Gran Bretagna, e vanno a vivere in un appartamento di proprietà dei genitori di lui. Le cose vanno bene tra i due e Marcin propone a Michalina di sposarlo, regalandole uno splendido anello.

Lei accetta entusiasta e i due vivono felici fino al 2008, quando nasce il loro primo figlio, Jakub. Dopo la nascita di Jakub, Marcin comincia a frequentare assiduamente la palestra facendo body building.

I suoi muscoli crescono e con loro anche il suo uso di steroidi. Ne usa così tanti da diventarne dipendente e questo gli causa degli improvvisi scatti d’ira.

Marcin decide che Michalina non meriti più di vivere con lui nella casa dei suoi genitori e decide di disfarsene, per poi crescere il loro figlio insieme alla sua adorata mamma.

La sepoltura

seppellisce viva la fidanzata

Un giorno del 2011 Marcin dice alla moglie di volerla portare a fare compere. Lei si prepara e lo aspetta alla porta, ignara di quello che sta progettando il marito.

Quando lo vede, lui ha in mano un taser e le dà una scossa di 300.000 volt che la immobilizza e la stordisce. Poi la lega e la infila in una grande scatola di cartone e la carica in macchina. 

Guida fino a un boschetto vicino, scava una buca poco profonda e ci infila la scatola, in modo che la faccia di Michalina sia sul fondo. Poi copre la buca, ci mette sopra un ramo di circa 40 kg nel caso la sua fidanzata voglia scappare, e se ne va lasciandola a morire soffocata.

Michalina si ritrova così a faccia in giù in una scatola sepolta in un bosco, lontana da qualsiasi aiuto e con pochissimo ossigeno a disposizione. In quel momento, dice, sta pensando a suo figlio. Chi si prenderà cura di lui se lei dovesse morire? Questo le dà la forza di reagire  e con l’anello di fidanzamento regalatole da Marcin si libera dal nastro adesivo che la tiene legata, poi comincia a rompere la scatola e finalmente riesce a uscire e a chiedere aiuto.

L’arresto

Marcin viene arrestato poco dopo insieme a un complice, ma alla polizia dirà solo che voleva spaventarla e che sarebbe andato a riprenderla. In realtà subito dopo aver sepolto la sua compagna, Marcin le ha rubato dei soldi dalla carta di credito.

Il ragazzo è stato accusato di tentato omicidio e nel 2012 è stato condannato a 20 anni di galera. 

Michalina ora è salva, ma vive nel terrore che lui possa tornare per uccidere lei e suo figlio ed è tormentata da terribili incubi.