Home mummie 5 fra le mummie meglio conservate della storia

5 fra le mummie meglio conservate della storia

2054
0
CONDIVIDI

In questo articolo ti propongo cinque fra le mummie meglio conservate della storia. Per approfondire l’argomento però ti consiglio: “Sonno senza tempo. Mummie e corpi imbalsamati“, un libro in cui vengono analizzati i casi più celebri e interessanti. 

La doncella di Llullaillaco

La mummia di questa ragazzina è stata ritrovata vicino al vulcano Lullaillaco, in Argentina, insieme alle mummie di due bambini.

Risale a circa 500 anni fa e dagli studi effettuati si è scoperto che è stata drogata con foglie di coca e alcool e che è quindi morta nel sonno.

Il terreno particolarmente arido e il clima freddo hanno permesso una conservazione incredibile dei corpi, che sembrano addormentati, e dei vestiti. E’ stata soprannominata “la doncella”, cioè la donzella.

doncella

L’uomo di Cherchen

L’uomo di Cherchen è il nome dato ad una mummia ritrovata nel 1985 in Cina.

L’uomo, ritrovato nel deserto del Taklamakan, sembrerebbe avere lineamenti caucasici e morì 3.000 anni fa.

Nella stessa zona vennero ritrovate in totale 113 mummie e questa in particolare era sepolta con 3 donne e un bambino. Nella tomba è stato ritrovato anche il biberon più antico del mondo, fatto con pelle di pecora.

cherchen

La mummia bagnata

Questa mummia è stata ritrovata in Cina. La donna visse circa 700 anni fa durante la dinastia Ming. Il suo ceto era elevato, e lo si capisce dai vestiti sontuosi e dai gioielli.

E’ stata ritrovata sommersa d’acqua e la scarsità di batteri ha fatto sì che si conservasse molto bene.

Nonostante sia stata proprio l’acqua a conservarla così bene si pensa che non vi sia stata immersa di proposito e che la mummificazione sia stata casuale.

wet mummy

Otzi, la mummia del Similaun

Sì, guardandola così non sembrerebbe molto ben conservata.

Ma se vi dico che quest’uomo visse circa 5.300 anni fa le cose cambiano. La pelle è intatta e sono persino visibili dei tatuaggi.

Otzi è stato ritrovato fra Italia e Austria e da analisi del DNA è stato scoperto che il suo ceppo genetico non è più presente a livello mondiale.

otzi_tattoos

Leoncini siberiani

Due cuccioli di leone sono stati ritrovati nel permafrost siberiano. Non è la prima volta che vengono ritrovati animali preistorici quasi intatti nel permafrost, tempo fa era stato ritrovato un mammuth. I leoncini avevano circa due settimana quando sono morti e presentano la pelliccia intatta e hanno persino le vibrisse.

Secondo le analisi sarebbero morti più di 12.000 anni fa e non sarebbero collegati ai leoni moderni.

leoncino

CONDIVIDI
Articolo precedenteEarle Nelson
Prossimo articoloL’omicidio della famiglia Rirchardson: colpevole figlia 12enne
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.