Home necrofilia Carl Tanzler – il necrofilo romantico

Carl Tanzler – il necrofilo romantico

1698
0
CONDIVIDI

Carl Tanzler fu un radiologo tedesco naturalizzato americano che si innamorò di una sua paziente malata di tubercolosi. Dopo la morte della ragazza, i sentimenti di Carl per lei non cambiarono affatto.

Biografia

Carl Tanzler nacque nel 1877 in Germania. Da bambino disse di avere avuto più volte la visione di una sua ava, la Contessa Anna Constantia Von Cosel, che le mostrò il volto del suo vero amore: una donna esotica, dai capelli scuri.

Da giovane viaggiò prima in India poi in Australia, dove lo sorprese lo scoppio della Prima Guerra Mondiale.

I soldati britannici in Australia lo misero, insieme ad altri tedeschi, in un campo di concentramento.

Dopo la fine della guerra non era permesso ai prigionieri di tornare alle loro abitazioni, venendo invece mandati in Olanda dove sarebbero stati rilasciati. Lì Tanzler venne rilasciato e ritrovò la madre con la quale visse per tre anni.

Nel 1920 si sposò ed ebbe due figlie e nel 1926, su consiglio della madre, si trasferì negli Stati Uniti dove precedentemente era emigrata anche la sorella.

Si stabilì con la famiglia a Zephyrhills, in Florida e nel 1927 si trasferì, da solo, a Key West per lavorare in un ospedale della Marina.

Maria Elena Milagro de Hoyos

Nel 1930, proprio mentre lavorava nell’ospedale di Key West, conobbe Maria Helena Milagro, detta Helen, una giovane di 21 anni che si trovava lì insieme alla madre per fare degli esami.

Helen, di origine cubana, venne riconosciuta da Tanzler come la visione apparsagli da bambino e se ne innamorò.

Dagli esami risultò essere affetta da tubercolosi e Tanzler fece di tutto per curarla. Durante la degenza la riempiva anche di regali, vestiti e gioielli

ma tutte le sue cure premurose non servirono e Helen morì nel 1931.

Tanzler pagò il funerale e, dopo aver chiesto il permesso alla famiglia, fece costruire un mausoleo nel cimitero di Key West, dove cominciò a recarsi ogni notte per visitare la sua amata.

In seguito disse che durante quelle notti vedeva lo spirito di Helen che gli chiedeva di portarla via dalla tomba.

Così una notte del 1933, pazzo d’amore, trafugò il corpo dal mausoleo e lo trasportò a casa sua.

Lì lo pulì e disinfettò, unì le ossa con del fil di ferro e mise degli occhi di vetro nelle orbite. Dato che il corpo era ormai in decomposizione sostituì la pelle con della seta passata in cera e stucco.

Costruì anche una maschera con le sembianze di Helen e la dipinse.

Ricavò poi una parrucca dai capelli di Helen che gli erano stati regalati dalla madre dopo la sua morte e la pose sul teschio, completando così la sua amata.

La scoperta del cadavere

von-cosel-2-e1351101883920

Il corpo rimase con lui per ben sette anni fino a quando, nel 1940, una delle sorelle di Helen cominciò a sentire delle voci che affermavano che Tanzler stesse vivendo con il cadavere della sorella.

Quando si recò a casa sua per parlarne con lui, scoprì il corpo imbalsamato di Helen e chiamò la polizia.

Tanzler venne arrestato e venne sottoposto ad una perizia psichiatrica dalla quale risultò capace di intendere e di volere.

Venne quindi sottoposto a processo per aver distrutto una tomba e avere sottratto un cadavere senza permesso, ma lo rilasciarono in quanto il reato era ormai caduto in prescrizione.

Subito dopo la scoperta, il corpo venne esaminato dai medici legali e poi esposto al pubblico dove venne visitato da quasi settemila persone. Successivamente venne ridato alla famiglia che lo seppellì in una tomba senza nome, per evitare altra attenzione.

Accuse di Necrofilia

Il caso suscitò un enorme interesse da parte del pubblico e della stampa e molti particolari vennero resi noti.

Nonostante ciò uno fra questi emerse solo nel 1972 quando due medici che esaminarono il corpo di Helen affermarono che nell’area vaginale era presente un tubo di cartone che avrebbe permesso a Tanzler di avere dei rapporti sessuali.

Queste affermazioni ormai non possono più essere verificate e non è chiaro se Tanzler fosse o no colpevole di necrofilia.

Quel che è certo è che dopo essere stato separato dal corpo della sua amata, Tanzler usò una maschera mortuaria per riprodurre il viso di Helen e ne creò un’effige.

Il radiologo morì nel 1952 e il suo corpo venne ritrovato riverso a terra solo tre settimane dopo la sua morte.

Alcuni insinuarono che l’effige fosse in realtà il vero corpo di Helen che Tanzler era riuscito di nuovo a riavere, ma queste affermazioni non sono mai state confermate.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAddio Gunnar Hansen – Leatherface
Prossimo articoloLingchi – La morte dai mille tagli
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.