Home oggetti maledetti film maledetti Atuk, il film maledetto

Atuk, il film maledetto

762
0
SHARE

Non ci sono solo case, castelli o luoghi maledetti, ci possono essere anche dei film. E’ il caso di “Atuk” un film mai realizzato a causa della morte di tutti gli attori interessati al ruolo di protagonista.

Le morti

Andiamo con ordine: la sceneggiatura del film Atuk (che significa “nonno” in lingua inuit) è basata sul libro “L’incomparabile Atuk“, scritto dal canadese Mordecai Richler. Nel 1971 Norman Jewison comprò i diritti per l’adattamento a film e cominciò la stesura del copione.

Il primo a leggere il ruolo del protagonista fu John Belushi, nel 1982, e subito si dimostrò interessato ad interpretarlo. Pochissimo tempo dopo però, nel marzo dello stesso anno, morì di overdose.

Il seguente attore a voler interpretare il protagonista fu Sam Kinison, che aveva anche l’opportunità di apporre cambi al copione.

Dopo la revisione di alcune scene, il progetto andò in stallo a causa di alcuni problemi economici.

Una volta risolti i problemi, Sam era pronto per girare il film, ma morì in un incidente d’auto nel 1992.

Nel 1994 la parte passò dunque a John Candy, ma prima di poter iniziare con le riprese l’attore morì a causa di un infarto.

atuk film maledetto

A novembre dello stesso anno morì per un’emorragia cerebrale Michael O’Donoghue che aveva lavorato alla sceneggiatura. Aveva anche incoraggiato Belushi e Candy ad avvicinarsi al film.

Con tante morti alle spalle il film cominciò a guadagnarsi il titolo di “film maledetto” e il progetto venne abbandonato. Venne però ripreso nel 1997 ma anche questa volta il film ha voluto la sua vittima: Chris Farley che morì di overdose mentre era in trattativa per ottenere il ruolo da protagonista.

L’ultima morte, fino ad ora, è quella di Phil Hartman nel 1998 il quale, mentre leggeva la sceneggiatura, è stato assassinato dalla moglie.

Si dice quindi che la sceneggiatura sia stata messa in vendita su e-bay ma nessuno ne ha più saputo niente. Forse sono solo coincidenze, ma 6 morti non sembrano proprio una casualità.

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti alla newsletter
Iscriviti alla newsletter
SHARE
Previous articleLe linee di Nazca
Next articleIl baule maledetto di Jacob Cooley
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.