Home paranormale fantasmi I fantasmi di Chambercombe Manor

I fantasmi di Chambercombe Manor

28
0

L’Inghilterra è una terra fertile per case e castelli infestati e la Chambercombe Manor non fa eccezione.

Si tratta di una casa risalente al 1100 circa, ora sede di un museo, che ha nascosto per anni un oscuro segreto.

Un triste ritrovamento

Come accennavo prima, oggi la casa è un museo che contiene molti mobili e oggetti antichi. Prima però era una casa come tutte le altre. O quasi. Nel 1738 infatti, durante dei lavori di restauro del tetto, il proprietario della mansione aveva notato qualcosa che non andava: vedeva il contorno di una finestra che però non apparteneva a nessuna delle stanze della sua abitazione. Ispezionando la casa si era reso conto che c’era uno spazio fra due stanze che non era un semplice muro, ma anticamente doveva essere stato anch’esso una stanza. Quando abbatté il muro si ritrovò davanti un letto ormai consumato dal tempo e, adagiato sul letto, uno scheletro.

Le indagini del tempo riuscirono a stabilire solo che si trattava dello scheletro di una donna, ma nient’altro. Una leggenda, tuttavia, spiegherebbe questo triste ritrovamento.

La leggenda della famiglia Oatway

Nel XVII secolo la Chambercombe Manor era abitata da William Oatway e da sua moglie. La casa è situata non lontano dalla costa e dopo una notte tempestosa la coppia si era recata in riva al mare per vedere se qualche nave avesse bisogno di aiuto. Sentirono dei lamenti provenire da alcuni scogli e una volta avvicinatisi videro il corpo di una giovane donna con il viso martoriato dagli scogli. La portarono a casa e tentarono di curarla, ma la donna morì durante la notte.

William vide fra gli averi della giovane un sacchetto che conteneva diversi gioielli e monete d’oro. L’occasione rende l’uomo ladro e William pensò di appropriarsi di quel piccolo tesoro per realizzare il suo sogno: acquistare la casa in cui viveva.

La mattina dopo, un agente marittimo andò a bussare alla porta della Chambercombe Manor e chiese ai coniugi Oatway se avessero notizie di una donna che era scomparsa durante un naufragio due notti prima. William, impaurito perché aveva derubato il cadavere, disse di non sapere niente. L’agente lo ringraziò e disse di tenere gli occhi aperti nel caso vedesse la donna scomparsa, di nome Katherine Wallace.

William salutò l’agente e, una volta chiusa la porta di casa, scoppiò in un pianto dirotto insieme alla moglie.

Katherine Wallace

Per scoprire l’identità di Katherine Wallace e perché il suo nome abbia suscitato tanto sgomento nei coniugi Oatway, dobbiamo fare un passo indietro.

Il padre di William si chiamava Alexander, viveva nella Chambercombe Manor e si guadagnava da vivere depredando le navi che si avvicinavano troppo alla costa, andandosi a schiantare sugli scogli. Spesso era lui stesso, con una potente lanterna, a segnalare alle navi che potevano avvicinarsi, mandando di fatto passeggeri ed equipaggio incontro a un naufragio.

Spesso portava con sé anche suo figlio William che però non voleva seguire la “professione” del padre. Un giorno i due trovarono una donna spagnola ferita sulla spiaggia, vittima di un naufragio, e decisero, impietositi, di portarla a casa per curarla. La donna si riprese in fretta e si innamorò di William. I due si sposarono e andarono a vivere in una casa tutta loro, allontanandosi dal padre di William perchè non condividevano il suo stile di vita. Diversi anni dopo, dopo la morte del padre, si trasferirono a Chambercombe Manor. La casa era stupenda, ma purtroppo ci vivevano in affitto non potendosi permettere di acquistarla e questo divenne un cruccio per William, che voleva diventare proprietario di una casa per poterla lasciare, un giorno, ai suoi figli.

E ben presto, infatti, arrivò una bambina che crebbe felice. Un giorno la ragazza conobbe un capitano, si innamorarono e si sposarono, andando a vivere a Dublino. La bambina dei coniugi Oatway si chiamava Katherine e suo marito Wallace.

Il mistero dello scheletro

La ragazza che gli Oatway avevano derubato, quindi, altri non era che la loro figlia che era venuta, dopo anni, a trovare i genitori. William, divorato dai sensi di colpa, mise la figlia in una stanza e la murò, portando questo segreto con sé nella tomba.

Fino al 1738, quando i proprietari della Chambercombe Manor scoprirono la stanza segreta e lo scheletro di Katherine.

I fantasmi di Chambercombe Manor

Si dice che dalla stanza in cui furono ritrovati i resti della giovane, si sentano provenire dei lamenti e si sentano a volte dei passi lungo il corridoio.

Tuttavia, questo non sarebbe l’unico fantasma che infesterebbe la casa. Essendo una costruzione decisamente antica, sarebbero diversi i fantasmi che ancora vagano per le sue stanze. Uno di questi sarebbe quello di una bambina chiamata Sofia, che dice di avere 7 anni.

Se anche tu vuoi vedere i fantasmi della Chambercombe Manor, la casa è aperta al pubblico e puoi visitarla prenotando sul sito ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here