Home curiosita Il Deep web

Il Deep web

596
0
CONDIVIDI

Il deep web è una parte del web che rimane “nascosto” o “sommerso”, in contrapposizione al web di superficie, quello che noi tutti conosciamo. Non va confuso con il dark web, che rappresenta una parte del deep web, ma si differenzia da esso per alcuni aspetti. Entrambi sono raggiungibili attraverso strumenti specifici (totalmente legali, come ad esempio il software Tor), ma i servizi che si possono ottenere sono talvolta illegali. Tra questi servizi sono inclusi vendita di armi, spaccio di stupefacenti, documenti falsi e pedopornografia.

Origine del Deep Web

Il termine deep web viene coniato nel 2000 dall’ingegnere informatico Micahel K. Bergman, che paragona la rete informatica ad un enorme oceano, costituito da strati. Nel 2009 fa la sua apparizione il termine ”dark web”. Attualmente i due termini vengono confusi fra di loro e le due espressioni vengono erroneamente utilizzate senza differenziazioni.

Oggi si ritiene la rete catalogabile in:

  1. web comune
  2. surface web
  3. bergie web
  4. deep web
  5. charter web
  6. marianas web

Esistono quindi ben sei livelli nella rete? Dopo qualche ricerca, è facile concludere che i livelli 1 e 2 siano praticamente la stessa cosa e che il quinto e il sesto siano frutto di fantasia.

Il web “di superficie”

Il web che tutti noi conosciamo, in cui sono presenti i siti indicizzati da Google e facilmente reperibili. In alcuni di questi siti possono essere presenti contenuti macabri o senza censure (porno, incidenti, suicidi), ma non è necessario alcuno strumento specifico per potervi accedere. Alcuni siti, come Reddit o 4chan, poco conosciuti in Italia, appartengono comunque alla superficie, in quanto si possono raggiungere attraverso Google.

Il bergie web

Nel bergie web sono presenti siti non indicizzati da Google, che sfuggono ai motori di ricerca per varie ragioni, ma che sono comunque raggiungibili se si conoscono o se ci viene fornito un link, senza bisogno di alcun accorgimento particolare: il loro contenuto è totalmente legale.

Dark web

E’ una parte del deep web, accessibile solo attraverso software specifici. In esso è possibile trovare siti che appartengono al mercato nero. Questa rete è costituita da darknet: qui è possibile trovare documenti falsi e droga. Silk Road, per esempio, era un sito simile ad E-Bay, all’interno del quale era possibile reperire prodotti illegali quali droghe o dati di carte di credito rubate: oggi non esiste più, ma è stato il primo darknet market moderno.

Deep web:

Nel deep web l’accesso è consentito solo attraverso strumenti atti a celare la propria identità: a questo livello sono presenti siti che includono contenuti illegali come pedo pornografia, snuff movies e vendita di armi (prodotti che non si vendono invece nella dark net).

Tutti i livelli sotto al deep web (alcune infografiche presenti in rete riportano fino a 18 livelli) appartengono alla sfera del puro esercizio di fantasia e delle leggende metropolitane.

Volendo semplificare, si tratterebbe di alcuni settori classificabili come deep web, erroneamente considerati livelli autonomi dell’oceano informatico.

C’è, per esempio, il fantomatico “marianas web” che, secondo alcuni comprenderebbe l’80% di tutte le informazioni presenti su internet. Secondo voci non controllabili, l’abisso della rete conterrebbe segreti governativi, documenti “proibiti” e risposte alle domande ancestrali dell’uomo. Come un moderno oracolo, il “marianas” potrebbe illuminarci sui segreti e, perchè no, sul senso della vita.

Perché non dovresti visitare il deep web

Deep web

Con tutte le cose proibite che ci sono nel deep web, a qualcuno verrà sicuramente la curiosità di provare ad andarci. Per chi ha conoscenze informatiche medie non è nemmeno così difficile.

Potresti andarci, ma la domanda è: ti conviene?

Il proibito esercita sempre un certo fascino sulla nostra curiosità, ma in questo caso è meglio lasciar perdere. Nel deep web non ci sono “solo” siti e annunci illegali, ma anche la gente disposta a creare e a usufruire di certi contenuti. Di certo non sono dei santi.

Ma, morale a parte, quello che ti può succedere va oltre il vedere qualche contenuto troppo shoccante.

La gente nel deep web può facilmente rubare tutti i tuoi dati e usarli per affari illeciti (e pericolosi). Può persino scaricare nel tuo PC materiale illegale come pedopornografia, poi vallo a spiegare alla polizia che ti bussa a casa che non sei stato tu.

Un invito, quindi, è d’obbligo: a meno che non siate criminali, hacker professionisti o paladini della giustizia, evitate di avventurarvi all’interno dei livelli che non siano quelli “conosciuti” della rete.

Nietzsche lo affermò, profeticamente, in tempi non sospetti: se scruterai a lungo in un abisso, anch’esso scruterà dentro di te.

Ringrazio tantissimo Francesco che ha collaborato a questo articolo curandone la stesura. Ti invito anche a visitare il suo interessantissimo sito: 24framesite

CONDIVIDI
Articolo precedenteMark Kilroy, ucciso come sacrificio umano
Prossimo articoloNatascha Kampusch, rapita per 3096 giorni
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.