Home serial killer serial killer uomini Earle Nelson

Earle Nelson

861
0
CONDIVIDI

Earle Nelson è stato uno dei primi serial killer e necrofili americani. Nato nel 1897 commise almeno 22 omicidi e venne condannato alla pena di morte.

Cenni biografici

Nelson nacque nel 1897 ma quando ancora non aveva due anni i suoi genitori morirono, entrambi di sifilide.

Così andò a vivere dalla nonna materna, una fervente religiosa. Quando Nelson aveva circa dieci anni ebbe un incidente e venne investito mentre stava andando in bicicletta. Rimase in coma per sei giorni e dopo essersi risvegliato il suo comportamento era cambiato notevolmente.

Inoltre cominciò a soffrire di frequenti emicranie e perdite di memoria, come Nannie Doss.

Quando aveva quattordici anni sua nonna morì e Nelson andò a vivere con sua zia Lillian e suo marito.

Primi crimini

earle-nelson-003
Nelson cominciò presto la sua carriera criminale e nel 1915 venne arrestato e condannato a due anni per essere entrato in una casa che pensava essere abbandonata.

Successivamente venne internato nell’ospedale psichiatrico statale di Napa in seguito a dei comportamenti bizzarri. Scappò e venne ritrovato tre volte, ma all’ennesima fuga il personale smise di cercarlo.

All’età di 21 anni cominciò a commettere crimini sessuali e nel 1921 cercò di molestare una bambina di 12 anni, ma venne fermato quando la bambina gridò e dei passanti accorsero in suo aiuto.

Venne così di nuovo internato nell’ospedale psichiatrico statale di Napa e di nuovo tentò di fuggire, a volte riuscendoci ma venendo sempre ritrovato. Nel 1925 venne rilasciato e l’anno seguente cominciò la sua catena di omicidi.

Gli omicidi

La sua prima vittima fu Clara Newman, uccisa il 20 febbraio 1926. Solo due settimane dopo uccise la sua seconda vittima, Laura Beal.

Le sue vittime principali erano proprietarie di pensioni, che avvicinava col pretesto di affittare una stanza.

Leggeva spesso una Bibbia per guadagnarsi la fiducia delle povere donne, poi le uccideva strangolandole e faceva sesso con i cadaveri. Nascondeva poi i cadaveri sotto a un letto e scappava.

Dopo ogni omicidio cambiava nome e zona, così facendo scampò alla polizia per un anno e mezzo. A quei tempi i serial killer non erano molto noti, inoltre la polizia venne rallentata da falsi arresti di gente innocente.

Arresto e processo

Nelson venne arrestato due volte in Canada e lì finì la sua follia omicida. Venne arrestato la prima volta nel 1927 dopo l’omicidio di due donne, Lola Cowan di 14 anni e Emily Patterson una casalinga il cui corpo venne ritrovato dal marito sotto al letto.

Dopo l’arresto diede alla polizia un nome falso “Virgil Wilson” e scappò di prigione la notte stessa. Venne però ritrovato e arrestato di nuovo il giorno seguente.

Durante il processo il suo avvocato difensore cercò di convincere il giudice che Nelson fosse mentalmente disturbato e quindi non responsabile dei suoi crimini. La giuria però lo dichiarò colpevole e lo condannò a morte. Venne giustiziano il 13 gennaio 1928.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDennis Rader, il BTK killer
Prossimo articolo5 fra le mummie meglio conservate della storia
Lilith
Amante dell'horror, del mistero e del macabro sin da bambina, ha deciso di creare questo sito per tutti gli appassionati di horror e macabro. Crea per i suoi lettori articoli unici che rende disponibili in questo sito e nel relativo canale youtube, per veri appassionati del genere.